Plasmon riduce il prezzo del latte

Benessere - Alimentazione
Plasmon riduce il prezzo del latte
Plasmon, azienda leader nell’alimentazione infantile, da oltre cento anni attenta alla corretta nutrizione dei bambini più piccoli ed alle esigenze delle loro famiglie, ha deciso di essere ancora più vicina alle mamme riducendo in modo considerevole il prezzo al pubblico del suo latte di proseguimento polvere, che da settembre 2010 è passato da 14,99 euro a 9,99 euro (prezzo consigliato).
Ciò si tradurrà per le famiglie in un risparmio quotidiano di circa il 30%.
Saranno coinvolti tutti i punti vendita in cui il latte di proseguimento è disponibile. Anche il prezzo nelle farmacie che si riforniscono direttamente da grossisti diminuirà di circa il 30%.
“Plasmon, che della più sana, giusta ed equilibrata alimentazione infantile ha fatto la propria mission industriale, e da sempre è vicina alle esigenze dei consumatori – sottolinea Alessandro Felici, direttore generale di Plasmon – ha deciso di sostenere ancora di più i consumatori fornendo il latte più adeguato alle esigenze di crescita dei bambini, ad un prezzo più adeguato alle esigenze della famiglia”.
“Dall’avvento della crisi economica – spiega Alessandro Felici,– i consumi in generale di latte di proseguimento sono drasticamente calati: i dati di mercato (Fonte: Nielsen) parlano di una contrazione superiore al 10%. Non essendo corrisposto un decremento delle nascite, ciò significa che prevalentemente i consumatori escono in modo precoce da questa categoria di prodotto”.
“Evidentemente le mamme che non hanno la possibilità di allattare al seno, o nel caso in cui questo risulti insufficiente, stanno privilegiando l’utilizzo del latte vaccino anche prima del compimento dell’anno di età del bambino – prosegue il direttore generale della Plasmon. Questa è una scelta scorretta sotto il profilo nutrizionale in quanto, in assenza di latte materno, il latte di proseguimento è la scelta più adeguata per i bambini fino all’anno di età, come indicato da tutta la moderna pediatria e dal Ministero della Salute”.
Il suo uso è consigliato dal 6° mese compiuto fino al 12° e la sua composizione è particolarmente adatta al fabbisogno nutrizionale del bambino nel periodo dello svezzamento. 

Tag:


Presente in:

Benessere - Alimentazione

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Ti invitiamo a leggere la nostra policy.
OK