UN MILIONE DI RAGAZZI SOTTO I 14 ANNI SOFFRE DI CEFALEA

Benessere - Salute
UN MILIONE DI RAGAZZI  SOTTO I 14 ANNI SOFFRE DI CEFALEA

Il mal di testa non e´ solo un problema che colpisce solo gli adulti. Nel nostro Paese,infatti, 1 milione di ragazzi al di sotto dei 14 anni soffre di cefalea in media una volta al mese. Questo il dato emerso durante il Congresso Nazionale della Societa´ Italiana per lo Studio delle Cefalee conclusosi ieri 9 ottobre a Riccione. Secondo la prima indagine focalizzata su bambini e adolescenti, per combattere il dolore i ragazzi ricorrono ai farmaci nel 90% dei casi.

 

Ma l´eccesso di farmaci altera i sistemi di controllo del dolore: sono proprio gli abusatori di farmaci quelli che più soffrono di allodinia, un fenomeno che si aggiunge al mal di testa per cui stimoli innocui, come pettinarsi o radersi, scatenano dolore. Il cosiddetto "mal di testa da abuso di farmaci". La scoperta è stata comunicata agli addetti ai lavori riuniti al terzo incontro lombardo dell´ Anircef,Associazione dei neurologi italiani per la ricerca nelle cefalee.

 

I dati della ricerca, condotta insime all´ Università di Memphis (Usa), saranno pubblicati dalla rivista scientifica Headache. Il Convegno della SISC mette in luce la situazione della patologia nei bambini e negli adolescenti, con risultati impressionanti. Se i ragazzi cominciano sempre più a soffrire di cefalea, per gli adulti il "mal di testa" sta diventando un fenomeno che impedisce una "vita sociale" normale e che ad esempio, nella maggiorparte dei casi impedisce a chi ne soffre di andare al cinema e al ristorante e fa perdere 2 giorni di lavoro al mese.

 


UN MILIONE DI RAGAZZI  SOTTO I 14 ANNI SOFFRE DI CEFALEA

 

"Nel 75% dei casi, l´elemento che scatena il mal di testa è lo stress quotidiano", afferma Luigi Alberto Pini, presidente della SISC. Uno stress che aumenta nelle grandi città. Ma il mal di testa può essere provocato anche da una scorretta postura, o da uno scarso riposo notturno, o ancora dal ciclo mestruale; "nel 10% dei casi", ricorda il presidente della Sisc, anche i profumi "molto dolci" o quello di aglio, cipolle, e spezie in genere possono scatenare la cefalea.

 

Il Presidente Pini lancia l´allarme anche contro il ricorso ai cosiddetti Maghi o Guaritori affermando: "sono soprattutto i pazienti con cefalea cronica in cura presso i Centri per le cefalee che scelgono di affidarsi ai maghi: almeno la metà prova anche questa strada una decisione illogica ma assai comprensibile, vista la sofferenza che affrontano quotidianamente questi malati". "Dopo aver verificato l´inefficacia dei guaritori - continua Pini -, tutti i pazienti tornano a riprendere la terapia prescritta dai medici. Esiste però il rischio di assumere attraverso intrugli e pozioni sostanze non controllate, soprattutto erbe, che potrebbero interagire coi farmaci, dando luogo a reazioni avverse, anche pericolose".


Tag:

mal di testa - cefalea - farmaci contro mal di testa


Presente in:

Benessere - Salute

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Ti invitiamo a leggere la nostra policy.
OK