Le coccole lasciano una traccia nel DNA dei bambini

Puericultura
Le coccole lasciano una traccia nel DNA dei bambini




Per crescere dei figli sani e sicuri di sé non lesinate su carezze e abbracci: le coccole, infatti, lasciano una traccia nei geni dei bambini, influenzandone lo sviluppo. Questo è quanto afferma un recente studio dell’University of British Columbia in collaborazione con l’Istituto di ricerca del British Columbia Children’s Hospital, pubblicato sulla rivista medica Development and Psychopathology.


La scoperta del team di ricercatori canadesi


Un contatto fisico costante sin da neonati può quindi modificare i geni; di contro i bambini che ricevono meno coccole nella fascia compresa fra gli 0 e i 4 anni possiede un patrimonio molecolare meno sviluppato, una sorta di ritardo biologico rispetto alla media dell’età che potrebbe inficiare il metabolismo ed il sistema immunitario.



I dettagli della ricerca


Il team di ricercatori che ha condotto questo studio ha chiesto ad un gruppo costituito da 94 famiglie con figli di 5 settimane di vita di annotare su un diario i comportamenti del bebé (sonno, pianto, pasti, eventuali emozioni positive o negative) e anche il loro comportamento nei suoi confronti, soprattutto ponendo attenzione al tempo dedicato al contatto fisico con il piccolo.


I geni dei bimbi sono stati disaminati a distanza di tempo, all’età di 4 anni e mezzo, valutando il livello di metilazione del loro DNA, fenomeno che modifica l’espressione dei geni ma non la loro struttura. Si tratta infatti di un tipo di cambiamento epigenetico, ossia un insieme di mutamenti che influenza il fenotipo, dunque il comportamento e lo sviluppo, non i geni veri e propri. 


Da questa osservazione sono emerse differenze rilevanti fra i bambini che avevano ricevuto un contatto fisico costante con i genitori e quelli che invece ne avevano ricevuto molto meno. Fra i bimbi più coccolati e quelli meno coccolati erano notevoli le differenze di metilazione, in 5 specifiche aree del DNA, due delle quali sono legate, rispettivamente, ai meccanismi metabolici e al funzionamento del sistema immunitario.



La carenza di coccole può avere ripercussioni anche sullo sviluppo psicologico?


Il professore di Genetica medica dell’UBC Michael Kobor ha dichiarato che nei bambini una maturazione di tipo epigenetico più lenta potrebbe tradursi in potenziali problemi nello sviluppo. Il team di ricercatori andrà avanti nella sua ricerca per cercare di capire se l’immaturità biologica osservata in alcuni bimbi durante l’esperimento abbia anche delle ricadute sulla salute, specialmente sullo sviluppo psicologico. Se arriveranno ulteriori conferme, risulterà evidente l’importanza fondamentale che il contatto fisico riveste, soprattutto sui bimbi più stressati.


Il Team di SpazioMamma.com

 


Tag:


Presente in:

- Puericultura

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Ti invitiamo a leggere la nostra policy.
OK